Aprire un conto online: cosa valutare

aprire un conto online

Al giorno d’oggi è necessario custodire i propri risparmi presso un conto corrente, ma le spese da sostenere possono non essere irrisorie. Per questo sempre più spesso le persone preferiscono indirizzarsi verso i conti on line puri o misti. I primi offrono solo operazioni on line, i secondi includono sia operazioni via Web che allo sportello.

Il conto corrente è uno strumento tecnico bancario che ha la funzione di conservare il denaro del titolare del conto all’interno dell’istituto di credito e fornire una serie di servizi come prelievi, versamenti e pagamenti.

Con un conto corrente on line è possibile innanzitutto controllare ed eseguire operazioni comodamente da casa qualsiasi giorno e a qualsiasi ora, ma c’è anche un ampio margine di risparmio dovuto alla rimozione dei costi di commissione per le operazioni allo sportello.

Nonostante ci sia ancora molto scetticismo sui conti correnti on line, amministrare i propri risparmi sul web è un sistema sicuro, basta valutare bene a quale banca affidarsi. Esistono diversi istituti di credito che offrono conti correnti online puri, tra cui Webank, Banca Mediolanum, Fineco, CheBanca!, Banco Popolare, Hello bank!, Deutsche Bank e Dolomiti Direkt.

Diversi tipi di conto corrente

Nel conto ordinario o a consumo i costi sono legati alla quantità di operazioni effettuate. Nel conto a pacchetto è previsto un canone comprensivo di alcuni servizi, che possono essere senza limiti nel caso di conto senza franchigia o limitati nel caso di conto con franchigia.

Per chi ha esigenze finanziarie limitate è invece consigliato il conto di base, che include un numero limitato di operazioni e alcuni servizi, come l’accredito dello stipendio o della pensione, la carta di debito, il prelievo di contante e la domiciliazione delle principali utenze domestiche. Infine il conto in convenzione consente di usufruire di agevolazioni sulla base di accordi prestabiliti con alcune categorie di clienti.

Per scegliere il conto corrente più adatto alle proprie esigenze, si devono quindi valutare i costi di gestione, ma anche l’uso che se ne vuole fare. Ad esempio, nel caso in cui non si abbia bisogno di particolari servizi, esistono conti on line a zero spese. Sul sito ContoCorrenteonline.it trovate le recensioni dei migliori conti online.

Per analizzare il conto corrente on line più conveniente, è utile prendere in considerazione l’ISC, Indicatore Sintetico di Costo. Si tratta di un parametro introdotto nel 2009 dalla Banca d’Italia, con il fine di aumentare la trasparenza delle comunicazioni ai consumatori. L’indice deriva dalla somma sintetica di tutti i costi annuali, fissi e variabili, che vengono quindi personalizzati in base al profilo: giovani, famiglie con bassa, media o elevata operatività, pensionati con bassa e media operatività.

Inoltre, per accertare l’affidabilità della banca, viene esaminato il Common Equity Tier 1 o Cet1. Secondo la Bce una banca deve avere un valore superiore all’8% per essere considerata attendibile.

Per valutare il conto corrente on line più conveniente e adatto alle nostre necessità è possibile trovare sul web diversi siti che confrontano le proposte dei vari istituti di credito sulla base dei prezzi e delle caratteristiche del conto stesso.

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Name and email are required