Investire in Italia in maniera consapevole: arriva il protocollo tra Consob e Unioncamere

investire in maniera consapevole

Disinformazione o, peggio, cattiva informazione possono essere letali quando si tratta di investire. Proprio per questo motivo sta crescendo in questi ultimi tempi l’interesse da parte degli enti preposti a insegnare cosa vuol dire acquisire una cultura finanziaria. L’obiettivo è rendere consapevoli non soltanto gli imprenditori, consentendo loro di compiere scelte economiche vantaggiose proteggendosi allo stesso tempo dai rischi, ma anche i semplici cittadini.

È nato con questo nobile scolpo il protocollo d’intesa siglato nei giorni scorsi dai presidenti di Consob, Giuseppe Vegas, e di Unioncamere, Ivan Lo Bello. I luoghi interessati? Tutti quelli preposti alla formazione. Con l’intesa, Consob e Unioncamere si impegnano infatti a realizzare programmi di informazione e sensibilizzazione diretti ai cittadini e agli imprenditori, d’intesa con le Camere di commercio italiane e con il coinvolgimento anche di altri soggetti pubblici e privati, delle Università e delle Associazioni dei consumatori.

Mai più investimenti sbagliati o fatti sulla scorta di cattivi suggerimenti è, dunque, l’obiettivo finale di questo importantissimo protocollo nel mondo della finanza italiana. Le iniziative, nello specifico, saranno dirette ad accrescere la conoscenza delle nozioni economico-finanziarie di base; favorire l’acquisizione di una maggiore consapevolezza dei diritti e delle responsabilità di cittadini e imprenditori;  diffondere l’utilizzo delle forme di tutela oggi disponibili (quali, ad esempio, l’Arbitro per le controversie finanziarie, lo strumento istituito dalla Consob di risoluzione delle controversie tra investitori retail e intermediari).

Ognuno dei due enti avrà un proprio compito preciso: Unioncamere fornirà il proprio supporto progettuale, tecnico, logistico ed organizzativo, mentre la Consob si occuperà concretamente di  realizzare delle iniziative di Educazione Finanziaria presso le sedi delle Camere di commercio locali, nell’ambito di lezioni frontali o webinair, incontri seminariali interattivi, convegni, tavole rotonde, workshop. D’ora in poi investire in maniera consapevole sarà dunque possibile a una maggiore quantità di piccoli e grandi imprenditori, le cui scelte avventate spesso possono causare conseguenze gravissime a un indotto di centinaia e centinaia di persone.

È importante, dunque, che non solo ci si faccia guidare da un esperto ma che si abbia personalmente consapevolezza dei rischi, dei metodi, dei campanelli d’allarme, delle avvisaglie e di tutta una serie di strumenti finanziari fondamentali per la salute del proprio pacchetto azionario e non solo. Quello siglato è il primo di una serie di accordi importanti in materia di educazione finanziaria in Italia, materia ai più ancora sconosciuta nel Bel Paese. L’obiettivo è dunque di riportare anche la consapevolezza dello Stivale ai livelli di quella degli investitori di molti altri paesi europei.

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Name and email are required